La mastoplastica riduttiva è l’intervento con cui si riduce il volume delle mammelle, attraverso l’asportazione di una parte della ghiandola mammaria e del grasso rimodellando  la cute alla nuova forma .

Se necessario, si effettua contemporaneamente il riposizionamento dell’ l’areola , del capezzolo e la riduzione delle dimensioni dell’areola in armonia alle nuove dimensioni della mammella. Candidate a quest’intervento sono donne affette da gigantomastia ( aumento volumetrico in toto della ghiandola mammaria) ;  donne che nel periodo post-gravidico presentano esiti dell’allattamento o  di aumento volumetrico della ghiandola mammaria con evidenti segni di “smagliature” nel periodo di ritorno della mammella alle normali dimensioni. Queste condizioni possono provocare problemi di macerazione, intertrigine ed altre dermatosi nel solco sottomammario oltre problemi al rachide cervico-dorsale come conseguenza del peso della ghiandola.

Intervento

L’intervento, che consiste nell’asportazione di una parte di cute e di tessuto sottocutaneo e ghiandolare, determina l’innalzamento del complesso areola-capezzolo e il rimodellamento dei tessuti circostanti.Prima dell’intervento vengono eseguiti disegni e misurazioni sulla paziente in posizione eretta, che rappresentano una guida per le incisioni da effettuare durante l’intervento.Le cicatrici residue da questo intervento tendano a rendersi meno evidenti con il tempo ma sono comunque permanenti. Si tratta di cicatrici circolari intorno all’areola, una nel solco sottomammario ed una cicatrice verticale che le unisce. In rari casi può essere necessaria una revisione delle cicatrici per ottenere un risultato estetico ottimale. Queste revisioni possono essere eseguite in anestesia locale con un piccolo intervento.
Dopo l’intervento il seno viene fasciato con una medicazione compressiva.

Anestesia
La mastoplastica riduttiva viene eseguita in anestesia generale . La durata dell’intervento è di circa 3 ore.
Postoperatorio
Il ricovero dura 24-48 ore. Sulla cicatrice viene applicata una medicazione e sulla ghiandola mammaria un bendaggio compressivo.
2 – 4 giorni dopo l’intervento di mastoplastica ridutitiva verranno rimossi i drenaggi, mentre le suture verranno rimosse dopo 12-15 giorni. L’intervento comporta generalmente minimo dolore controllato facilmente da banali analgesici assunti per via orale.E’ bene indossare un reggiseno notte e giorno per le prime 4 settimane.
Nella prima settimana si consiglia alla paziente un periodo di rigoroso riposo evitando qualsiasi sforzo fisico; nelle 2 settimane successive, la paziente dovrà dormire in posizione opportuna e potrà riprendere gradualmente le normali attività fisiche (guidare, passeggiare, lavorare). Dopo 4 settimane sarà in grado di riprendere l’attività sessuale, i viaggi, le attività sportive che non prevedono sforzi eccessivi e le attività lavorative.