L’intervento di riduzione volumetrica delle piccole labbra consiste nella correzione di inestetismi dei genitali esterni femminili che possono arrecare disturbi funzionali o psicologici.

L’anomalia più frequente consiste nell’eccessivo sviluppo e/o asimmetria delle piccole labbra,condizione che può essere su base genetica o come conseguenza di un parto spontaneo.
Tale intervento permette di ridurre il volume delle piccole labbra in modo da eliminare la loro procidenza (estroflessione rispetto alle grandi labbra).
Intervento
si procede alla eliminazione del tessuto eccedente avendo cura sia di non ipercorreggere sia di eseguire una asportazione simmetrica. Le piccole labbra servono per proteggere l’orifizio vaginale e l’apertura dell’uretra e quindi occorre evitarne l’asportazione eccessiva. Al termine dell’intervento si applica una sutura di tipo riassorbibile. Le cicatrici finali sono minime e visbili solo da un occhio esperto. La sensibilità non viene modificata e i risultati, stabili e duraturi, gratificano molto le pazienti
Talvolta può essere esteticamente utile associare altre metodiche di abbellimento come il lipofilling per aumentare il volume delle grandi labbra o del pube. O, in un secondo tempo, infiltrare le piccole labbra con un filler per dare loro maggiore consistenza.

Anestesia
La riduzione volumetrica delle piccole labbra  viene generalmente eseguita in regime di day hospital (cioè senza ricovero e degenza) Viene effettuata mediante una anestesia locale.
Talvolta  viene associata a una sedazione farmacologica per un maggiore controllo del paziente.
E’ eseguita in anestesia generale solo quando viene praticato in contemporanea ad interventi più complessi di ringiovanimento del viso o di rimodellamento del corpo.
Postoperatorio
Una modesta secrezione postoperatoria compare per 3-4 giorni. E’ tuttavia possibile fare la doccia il giorno successivo e disinfettare la parte con prodotti adeguati. L’attività professionale può essere ripresa dopo 4 giorni L’attività sessuale dopo 1 mese.